Archivi

Raccomandata dal Comune di Roma per la domanda per la casa popolare


Ricevo questa mattina questa raccomandata da parte del comune di Roma e specificamente dal Dipartimento Politiche Abitative, in cui mi viene detto che ho ottenuto il punteggio 0

Perchè ho ottenuto questo punteggio facile come mi aveva detto chiamamola cosi l’ass.te sociale alla quale mi ha fatto fare la domanda per la casa popolare e per di più avendo scritto la mia situazione in questura dove lo stato esattamente il CAPO DELLA REPUBBLICA ITALIANA  in cui mi veniva detto che dovevo scrive il mio stato attuale bene questa è la risposta ma non solo segue il motivo del perchè non è stata accettata la mia domanda oltre il danno anche la beffa dopo essere privato fino ad oggi dei miei diritti non avendo nessun aiuto ne dallo Stato e ne dalle Istituzioni trovandomi in una situazione molto drammatica mi è stato detto in primis dall’A.ss.te sociale che io devo levarmi dalla mente che non posso avere e ottenere nulla secondo essendo single non posso avere una casa popolare e questo è un dramma perchè sono single ma non finisce qui non sono ammalato e questo è una disgrazia pure non ho figli ed è una disgrazia parole dette dall’ass.te sociale mi domando se si può dire a un cittadino dopo aver perso tutto per il loro menefreghismo totale e riducendomi alla fame e non avendo opportunità di nessun genere ancora oggi mi calpestano la mia dignità questo è lo Stato e queste sono le Istituzioni in cui non leccando il culo a nessuno e chiedendo a muso duro i miei diritti questi sono i risultati ma non mi fanno ne arrabbiare neanche incazzare anzi mi fanno solo ridere perchè capisco ancor di più come io posso dare fastido e come loro cercano di emarginarmi ma come sempre vinco sempre e le prove ci sono e lo dimostrano visto che i miei diritti vengono negati come da 11 anni io non rispetterò nessun dovere e se mi dovrebbero cercare io li tratterò come loro stanno facendo con me visto che io non ho nulla da perdere ma tutto da gudagnare ma nello stesso tempo sono loro che hanno da perdere ma la lotta non finisce qui essendo un grande giocatore di scacchi sapevo in anticipo le loro mosse e non mi sono meravigliato nel ricevere questa risposta . Il silenzio rende forte il potere ricordatevelo coloro che hanno paura di denunciare il loro stato sociale e il loro dramma la puara è la loro arma ….Comunque da oggi il strapperò tutti i documenti che ho in possesso perchè mi rifiuto di dover leggere sui documenti cittadino ITALIANO rifiuto questo perchè io sono un cittadino del mondo meno che di questo stato io sono un cittadino libero ed essendo libero non devo dimostrare a nessuno e dico a nessuno il mio stato .

segue la raccomandata arrivata oggi aggiungo una sola cosa MI FA SCHIFO QUESTO STATO MI FA SCHIFO LE ISTITUZIONI e se volete replicare pensateci bene prima i contattarmi perchè sarò per voi un grande macigno che non accetta nessuna parola occhio da oggi si cambia tipo di comunicazione con voi papponi.

img002

LETTERA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DOPO UN ANNO QUESTA è LA SUA RISPOSTA


ALLEGO QUI LA LETTERA IN CUI MI RISPONDE IL CAPO DELLO STATO DOPO 11 ANNI IN CUI SPIEGO IL MIO DISAGIO SAPENDO BENE IL TUTTO QUESTA è LA RISPOSTA ALLA QUALE MI RENDO ANCORA CONTO CHE NON POSSO ESSERE CITTADINO DI QUESTO STATO CHE NON ESISTE SE SI LEGGE TRA LE RIGHE IO NON HO PIù PAROLE GLI ONESTI NON DEVONO RECLAMARE I PROPRI DIRITTI E SE SEI POVERO LO STATO COME DICE LA LETTERA TI DEVI AMMAZZARE……

img005

 

DOPO UN ANNO RICEVO QUESTO BENESTARE DALLO STATO L’UNICA COMUNICAZZIONE

NON AGGIUNGO NULLA PERCHè PENSO CHE IL SILENZIO DICE MOLTO DI PIù

 

E-mail mandata al Presidente della Repubblica indicandogli che sono 11 anni di diritti negati


Buon giorno Sig. Presidente della Repubblica  mi chiamo Trapani Antonio lei mi conosce e vorrei allegare le sue lettere inviatemi qui allego le seguenti lettere con le relative date:

  • 03/09/2010 n.p.0088395 p
  • 12/08/2011 n.p.0100012 p
  • 11/05/2012 n.p. 0055181 p
  • 12/11/2012 n.p.0122197 p
  • 19/03/2013 n.p.0030377 p
  1. 20/12/2013 n.p.0133319 p

Dal l’ultima lettera da lei inviata alla quale sono stato chiamato in questura dove mi si chiedeva da parte di lei Sig.Presidente della Repubblica il mio stato attuale alla quale ho dovuto fare una lettera alla quale poi la questura la inviava a lei e questo è accaduto il 12 febbraio 2014 e ho fatto quello che lei chiedeva ma non ho ricevuto nulla di nuovo anzi il giorno 13 febbraio recandomi all Municipio VII (ex Municipio Roma IX) per parlare con l’ass.te sociale mi veniva detto chiaro come sempre da quasi 11 anni però in quell’incontro mi è stato detto diversamente queste testuali parole “ LEI SIG.TRAPANI ANTONIO SI DEVE METTERE IN TESTA CHE LEI NON POTRA’ MAI AVERE NIENTE “ dico se queste sono risposte da dare a una cittadino che chiede aiuto e  mi fermo qui basta solo esaminare la frase dettami da questa ass.te sociale alla quale mi sembra un vigile urbano alla quale non ho bisogno anzi mi ha anche detto che mi sono bruciato che devo abbassare la testa per chiedere i  miei diritti lascio a lei Sig. Presidente della Repubblica l’interpretazione di tutto questo perché mi ha anche detto che se scrivo a lei non cambierà nulla ora lascio a lei il commento e le chiedo con molto rammarico e delusione di come vengo trattato se posso subire queste cose .Chiedo urgentemente che mi aiuti perché il mio stato attuale ogni giorno che passa diventa drammatico e chiedo un aiuto concreto per risolvere questo dramma che orami da quasi 11 anni sta andando avanti in questo modo e io non riesco più ad avere una mia vita per tanto Sig. Presidente della Repubblica chiedo disperatamente un suo intervento concreto perché solo lei mi può aiutare ad ridarmi una vita migliore e le chiedo di non far passare molto tempo perché ripeto sono disperato e non posso vedere la mia dignità calpestata cosi da persone che non sono idonee al loro lavoro per tanto spero che questo dramma possa finire al più presto con il suo aiuto.

Le invio i miei Cordiali Saluti e spero che possa aiutarmi concretamente e non solo a parole…

Lettera del Comune di Roma alla quale mi risponde in un modo molto esplicito …..Una presa in giro ….


ALLEGO QUESTA LETTERA PERVENUTA TRAMITE RACCOMANDATA DAL COMUNE DI ROMA FACCIO UN RIASSUNTO PER QUELLO CHE DICE DOVE MI INDICA CHE DOVREI COLLEGARMI AL SITO DELL’UFFICIO IMPIEGO E GUARDARE TRA DOMANDE E OFFERTE CHE ALCUNE AZIENDE O ALTRO RICERCANO PERSONALE …BENE QUESTO è IL PUNTO CHIAVE ALLA QUALE SI NOTA E SI LEGGE ANCHE NELLA LETTERA IN CUI UN UOMO DI 53 ANNI COME SONO IO E CERCANDO SEMPRE IN VARI SITI DI OFFERTE DI LAVORO PERCHè NON ESISTE SOLO L’UFFICIO IMPIEGO MA QUESTO LORO LO SANNO MA FANNO FINTA DI NON SAPERE IO CHE OGNI GIRONO VISITO VARI SITI E FINO AD ORA NON HO MAI TROVATO UN AZIENDA O ALTRO CHE RICERCA PERSONALE CHE HA UN ETà DI 53 ANNI E QUESTO FA CAPIRE COME LE ISTITUZIONI GIOCANO SUL MIO DRAMMA DICENDOMI COSE CHE HO SENTITO PER 10 ANNI IO DICO QUESTO SE IL LAVORO NON Cè PER I GIOVANI PUò ESSERCI PER UOMINI DELLA MIA ETà ? SECONDO ME è IL SOLITO GIOCO DELLE 3 CARTE COME SEMPRE E RIPETO QUESTE SONO LE ISTITUZIONI CHE FANNO SCARICA BARILE LAVANDOSI LE MANI SULLA POVERA GENTE CHE COME ME CHIEDE AIUTO E CON QUESTO CHIUDO IL DISCORSO LASCIO A COLORO LA LORO OPINIONE…

img2 img005 PREMETTO CHE MI SONO RECATO ALL’UFFICIO IMPIEGO DOPO AVER MANDATO IL MIO CURRICULUM ALLA QUALE IL PERSONALE NON POTEVA O NON SAPEVA LEGGERLO DAVANTI ALLA PERSONA INCARICATA ABBIAMO RIFATTO IL CURRICULUM ALLA QUALE ANCHE IL COMUNE DI ROMA è STATO INVIATO E NON DICO ALTRO PENSO CHE ALTRE PAROLE NON SERVONO PER CAPIRE IL GIOCO DELLE 3 CARTE….

Documento in cui vengo chiamato in questura su sollecito del Presidente della Repubblica


copia questura per blog PUBBLICO QUESTO AVVISO DI PRESENTARMI ALLA QUESTURA SU SOLLECITO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ALLA QUALE NELLA LETTERA PRECEDENTE MI DICEVA CHE OGNI GIORNO INTERPELLAVA LA PREFETTURA INFATTI COSI è AVVENUTO .

RECANDOMI IN QUESTURA HO DOVUTO RISCRIVERE IL MIO STATO ATTUALE E SPERO CHE QUESTO DRAMMA POSSA FINIRE FINO AD OGGI NON HO RICEVUTO NESSUNA RISPOSTA SPERO DI RICEVERLA E CHE SIA POSITIVA.

PREMETTO CHE DOPO AVER RICEVUTO QUESTO AVVISO E AVER RISCRITTO DAVANTI AL FUNZIONARIO DELLA QUESTURA MI SONO RECATO ALL’ASS.TE SOCIALE DOVE MI RISENTO PER L’ENNESIMA VOLTA RIPETERE LE STESSE FRASI MI SEMBRA CHE L’ASS.TE SOCIALE SIA UN VIGILE URBANO QUANDO UNO NON SA UNA STRADA GLI DOMANDA DOVE SI TROVA QUESTO FA L’ASS.TE SOCIALE MI INDICA DOVE DEVO ANDARE SEMBRA CHE SIA UN DEMENTE OPPURE UN IGNORANTE CHE NON SO DOVE ANDARE OPPURE COME MUOVERMI MA QUESTO FA DICENDOMI CHE NON MI POSSONO DARE UN SUSSIDIO , UNA CASA, UN LAVORO IO MI DOMANDO A CHE MI SERVE AVERE UN ASS.TE SOCIALE QUANDO NON PUò FARE NIENTE MI DOMANDO QUESTO  COSA MI SERVE SE STO SEMPRE PEGGIO ?

SPERO CHE POSSO AVERE NOTIZIE E CHE TUTTO QUESTO POSSA FINIRE